logo MyPortal
Inizio pagina Salta ai contenuti

Comune di Bagnolo di Po

Provincia di Rovigo - Regione del Veneto.


Contenuto

Calendario

Calendario eventi
« Giugno  2020 »
Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
1 2 3 4 5 6 7
8 9 10 11 12 13 14
15 16 17 18 19 20 21
22 23 24 25 26 27 28
29 30          
             

News

Logo Comune di Bagnolo di Po

EMERGENZA COVID 19 - CORONAVIRUS

INFORMAZIONI UFFICIALI E NUMERI UTILI - MODULO AUTODICHIARAZIONE


AVVISO AI CITTADINI

Cari concittadini, da oggi, in seguito ai decreti del Presidente del Consiglio dei Ministri del 8 e 9 marzo, sono in vigore misure molto stringenti su tutto il territorio nazionale al fine di contrastare e contenere il diffondersi del  virus COVID-19 (CORONAVIRUS).

RESTIAMO A CASA PER QUANTO POSSIBILE

#iorestoacasa #casadolcecasa

I decreti citati sono pubblicati sul sito internet del Comune per la consultazione.

Si ricorda in particolare la necessità di evitare ogni spostamento delle persone fisiche in entrata e in uscita salvo che per gli spostamenti  motivati  da comprovate esigenze lavorative  o  situazioni  di  necessità  ovvero spostamenti per motivi di salute. È consentito il rientro presso il proprio domicilio, abitazione o residenza.

Per gli spostamenti sulla base del DPCM del 8 marzo era stata predisposta un’apposita autocertificazione. Con l’estensione della misura a tutto il territorio nazionale viene diffuso un modello di autocertificazione scaricabile dal sito internet dell’ente in attesa di moduli ufficiali.

Si riassumono le seguenti ulteriori misure adottate (tutte le misure e le specificazioni sono indicate dei DPCM richiamati):

  • ai soggetti con sintomatologia  da  infezione  respiratoria  e febbre (maggiore di 37,5° C) è fortemente raccomandato  di  rimanere presso il proprio domicilio e limitare al massimo i contatti sociali, contattando il proprio medico curante;
  • divieto assoluto  di  mobilità  dalla  propria  abitazione  o dimora per i soggetti sottoposti alla misura della quarantena  ovvero risultati positivi al virus;
  • sono sospesi gli eventi e le competizioni  sportive  di  ogni ordine e disciplina, in  luoghi  pubblici  o  privati (per le specificazioni si legga il DPCM 8 marzo);
  • i datori  di  lavoro  pubblici  e  privati  promuovono  la fruizione da parte dei lavoratori dipendenti dei periodi  di  congedo ordinario e di ferie salva l’applicazione di misure di lavoro agile come disciplinate dai decreti richiamati;
  • sono sospese tutte le manifestazioni organizzate e gli eventi in luogo pubblico o privato, ivi compresi quelli di  carattere culturale, ludico, sportivo, religioso e fieristico, anche se  svolti in luoghi chiusi ma aperti al pubblico, come grandi eventi, cinema, teatri, pub, scuole  di  ballo,  sale  giochi, sale scommesse e sale bingo,  discoteche  e  locali  assimilati;  nei predetti luoghi è sospesa ogni attività;
  • sono  sospesi  i  servizi  educativi  per  l'infanzia  e  le attività didattiche in presenza nelle scuole di ogni ordine e grado, la frequenza delle attività scolastiche e  di  formazione superiore,  comprese  le  Università  e  le  Istituzioni   di   Alta Formazione Artistica Musicale e Coreutica,  i  corsi  professionali, master, corsi per le professioni sanitarie e università per anziani, nonché i corsi professionali e  le  attività  formative  svolte  da altri enti pubblici,  anche  territoriali  e  locali  e  da  soggetti privati, ferma  in  ogni  caso  la  possibilità  di  svolgimento  di attività formative a distanza ad esclusione dei corsi per  i  medici in formazione specialistica e dei corsi di  formazione  specifica  in medicina generale, nonché  delle  attività  dei  tirocinanti  delle professioni  sanitarie;
  • al fine  di  mantenere  il   distanziamento sociale, è da  escludersi  qualsiasi  altra  forma  di  aggregazione alternativa;
  • sono sospese le  riunioni  degli  organi  collegiali  in presenza;
  • l’apertura dei luoghi di culto è condizionata all'adozione di misure  organizzative  tali  da  evitare  assembramenti  di  persone, tenendo conto delle dimensioni e delle caratteristiche dei luoghi,  e tali da garantire ai frequentatori la possibilità di  rispettare  la distanza tra loro di almeno un metro;
  • sono sospese le cerimonie civili e religiose, ivi comprese quelle funebri;
  • sono chiusi i musei  e  gli  altri  istituti  e  luoghi  della cultura;
  • sono consentite le attività di ristorazione e bar dalle  6.00 alle 18.00, con obbligo, a carico  del  gestore,  di  predisporre  le condizioni per garantire la possibilità del rispetto della  distanza di sicurezza interpersonale di almeno un metro con sanzione della sospensione dell'attività in caso  di violazione;
  • sono consentite le attività commerciali diverse da quelle  di cui al punto precedente a condizione che il gestore garantisca un accesso ai predetti luoghi con  modalità  contingentate  o  comunque idonee  a  evitare  assembramenti  di  persone,  tenuto  conto  delle dimensioni e delle caratteristiche dei locali aperti al  pubblico,  e tali da garantire ai frequentatori la possibilità di  rispettare  la distanza di almeno un metro tra  i visitatori (per le specifiche si veda DPCM 8 marzo);
  • sono  sospese  le  attività  di  palestre,  centri  sportivi, piscine, centri natatori, centri  benessere,  centri  termali  (fatta eccezione per l'erogazione delle prestazioni rientranti  nei  livelli essenziali di assistenza), centri culturali, centri  sociali,  centri ricreativi.

 

Si ricordano le misure igienico sanitarie da adottare:

a)    Lavarsi spesso le mani. Si raccomanda di mettere a disposizione in tutti i locali pubblici, palestre, supermercati, farmacie e altri luoghi di aggregazione, soluzioni idroalcoliche per il lavaggio delle mani;

b)    Evitare il contatto ravvicinato con persone che soffrono di infezioni respiratorie acute;

c)    Evitare abbracci e strette di mano;

d)    Mantenimento, nei contatti sociali, di una distanza interpersonale di almeno un metro;

e)    Igiene respiratoria (starnutire e/o tossire in un fazzoletto evitando il contatto delle mani con le secrezioni respiratorie);

f)     Evitare l’uso promiscuo di bottiglie e bicchieri, in particolare durante l’attività sportiva;

g)    Non toccarsi occhi, naso e bocca con le mani;

h)    Coprirsi bocca e naso se si starnutisce o tossisce;

i)      Non prendere farmaci antivirali né antibiotici, a meno che siano prescritti dal medico;

j)      Pulire le superfici con disinfettanti a base di cloro o alcool;

k)    Usare la mascherina solo se si sospetta di essere malato o si assistono persone

 

PER INFORMAZIONI SU INFEZIONI DA CORONAVIRUS SONO ATTIVI I SEGUENTI NUMERI TELEFONICI DI EMERGENZA :

NUMERO VERDE DI U.L.S.S. 5 POLESANA 800 938 880

NUMERO VERDE REGIONALE 800 462 340

SI CHIEDE LA MASSIMA COLLABORAZIONE DA PARTE DI TUTTI I CITTADINI.

09.03.2020                                                                              IL SINDACO

                                                                                                  Zeri Amor

#iorestoacasa #casadolcecasa

 

 

 


- Numero di pubblica utilità 1500 
- Numero Verde Protezione Civile 800990009 
 

MINISTERO DELLA SALUTE  http://www.salute.gov.it/portale/nuovocoronavirus/homeNuovoCoronavirus.jsp


ISTITUTO SUPERIORE DI SANITA’   https://www.epicentro.iss.it/coronavirus/


- ORGANIZZAZIONE MONDIALE DELLA SANITA’ OMS
   https://www.who.int/emergencies/diseases/novel-coronavirus-2019

 

Allegati Notizia

Data ultimo aggiornamento: 15/04/2020
Piazza Marconi, 159 | 45022 Bagnolo di Po Tel: 0425704002 Fax: 0425704424
P.Iva IT 00562790295
protocollo@comune.bagnolodipo.ro.it PEC: protocollo@pec.comune.bagnolodipo.ro.it